28 luglio 2018

28 luglio 2018

Nuovo consiglio di Delegazione



Siamo giunte all’ultimo giorno dell’Assemblea.

Madre María ci esorta ad affidare al Signore e alla Madonna questo ultimo tratto di cammino.

La mattinata e parte del pomeriggio si dedicano a rivedere i documenti prodotti in questi giorni per accordarci sui valori che vogliamo vivere e sulle rispettive strategie, che serviranno per la programmazione dei prossimi 4 anni.

É un lavoro che ci impegna e che si fa con passione. Il nuovo documento che ne resulta ci sembra in sintonia con le nostre aspettative e la realtá della Delegazione.

Alle ore 16.00 viviamo un momento solenne ed emotivo. Madre Maria ci comunica il nome delle sorelle che formano il nuovo Consiglio di Delegazione: Sr Cristina Bodei, Delegata, Sr Rosa Francesca Lenarduzzi, prima Consigliera e Vicaria, Sr Jéssica Paola Roldán, seconda Consigliera e Segretaria.

La Madre poi ringrazia le sorelle che hanno svolto questo servizio fino a questo momento: Sr Lucia Meschi, Sr Mónica Pinto e la economa, sr Francesca Violato.

Seguono gli applausi, l’omaggio floreale e uno scambio di abbracci. Siamo riconoscenti a queste sorelle che, non senza fatica, hanno accettato di animare la nostra Delegazione.

Dopo una breve pausa si passa alla verifica. Tutte riconosciamo il dono di questa esperienza; la grazia di aver avuto con noi la Madre generale e la Vicaria; la collaborazione di tutte le sorelle in un clima di libertá e rispetto; il ritmo di lavoro intenso, ma bene organizzato; le tante attenzioni delle sorelle della comunitá; la preghiera di ogni giorno preparata con arte, l’efficienza delle segretarie e di altre sorelle occupate nei vari servizi. Tutte in questi giorni hanno dato il meglio di sé.

Si conclude ufficialmente la IIIa Assemblea latinoamericana con una celebrazione nella quale presentiamo al Signore le ‘parole’ che hanno segnato l’esperienza di ciascuna e, attorno al grappolo simbólico, formato dalle ‘parole’ rinnoviamo l’impegno a rimanere unite alla vite e fra noi per portare frutto.

Ad una ad una passiamo a firmare il messaggio alle sorelle delle comunitá.


 

Stampa Esci Home