Capitoli provinciali e Assemblee

7 settembre 2018

Continuazione lavori

 

Come ogni mattina ci siamo ritrovate in cappella alle ore 6.30 e con la celebrazione delle lodi e la S. Messa, abbiamo dato inizio alla nostra quinta giornata di Assemblea.

L’appuntamento successivo ci vede in sala, alle ore 9.15, per lavvio dei lavori. Ci introduce la preghiera che ferma la nostra attenzione sul simbolo delle mani.

Madre Maria ci fa notare anche oggi non ci mancano i segni, sia quello delle mani, nella preghiera, sia quello del vino nuovo per otri nuovi, che ci viene dalla liturgia. E proprio quest’ultimo segno ci richiama la realtà a cui ci stiamo preparando: il passaggio da Delegazione a Provincia.

Riprendiamo il lavoro e la Madre ci ricorda che siamo arrivate al momento centrale. Siamo al quinto giorno ed è opportuno fare una veloce verifica.

Constatiamo che stiamo lavorando con interesse, insieme, e con una certa soddisfazione. Il metodo è chiaro, semplice e ci dà tranquillità. Per tutte c’è la possibilità di esprimersi e di partecipare. La Madre riconosce la positività del percorso e ci incoraggia invitandoci a proseguire per cercare di raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefisse.

Conclusa la verifica, riprendiamo il cammino con un lavoro di gruppo che ci invita a formulare le strategie che possono rendere concreti gli obiettivi.

Nella prima parte del lavoro ci soffermiamo sulle strategie relative alle prime due aree prese in considerazione: vita elisabettina, spiritualità e consacrazione e il dono di essere sorelle e madri in fraternità, mentre nel pomeriggio ci impegniamo sulle strategie delle altre due aree: il dono di essere apostole e responsabili del bene comune – governo e amministrazione.

Questo lavoro di ricerca ci appassiona e ci aiuta a entrare meglio nel significato degli obiettivi fissati.

I due lavori assembleari, nei quali abbiamo messo insieme le strategie dei tre gruppi, sono stati molto partecipati e ci siamo anche aiutate a chiarirci su alcuni aspetti che apparivano confusi.

Il nostro progetto per il quadriennio prende sempre più forma e noi godiamo del risultato del nostro lavoro.


 
Segnala ad un amicoStampaTorna alla pagina precedente