Capitoli provinciali e Assemblee

8 settembre 2018

Nomina del Consiglio Provincia egiziana

 

Diamo inizio alla nostra giornata sesta giornata di Assemblea con la preghiera delle lodi e la Santa messa. La festa della Natività di Maria ci introduce in un clima di gioia. Affidiamo all’intercessione della Vergine la nostra giornata che si preannuncia molto importante. Il Sacerdote, rifacendosi al brano del Vangelo, ci fa notare che quando Dio mette le mani nella nostra vita, tutto cambia, tutto trova il suo posto e il suo senso.

In sala, alle ore 9.00, la preghiera ci propone il simbolo della pianta; richiamo alla vita che cresce e che va custodita. Sappiamo, che questo è il tempo in cui prendersi cura anche del nostro futuro, è il momento importante e storico della nascita della nostra Provincia egiziana.

Madre Maria ci ricorda l’importanza di questo giorno “il passaggio da Delegazione a Provincia” e richiama la risponsabilita di ciascuna di noi.

La prima parte della mattina abbiamo lavorato insieme facendo delle modifiche al lavoro del giorno precedente.Dopo la pausa affrontiamo la questione del passaggio da Delegazione a Provincia. Madre Maria ci invita a un dialogo aperto, a chiedere tutte le chiarificazioni possibili e ad esporre dubbi, interrogativi e a chiedere chiarimenti. Ne risulta un dialogo interessante nel quale veniamo a conoscere diverse cose, anche di carattere giuridico.

Nel pomeriggio, alle 15.30, ci ritroviamo in sala. Abbiamo l’abito delle grandi occasioni e siamo tutte un po’ emozionate.

Ci accoglie, proiettata in uno schermo, la frase di Isaia 19,19: “In quel giorno ci sarà un altare dedicato al Signore in mezzo al paese d'Egitto e una stele in onore del Signore”, che ci riporta lontano nel tempo, a ottantatrè anni fa, quando arrivarono le prime cinque sorelle elisabettine e il nostro cuore si riempie di gratitudine per loro e per quante le hanno poi seguite.

Segue l’avvio formale della Provincia e subito dopo la sorella più givane di professione accende una lampada portata da Casa Madre, come segno di legame profondo della Provincia di Egitto con il luogo delle origini.

A questo segue la comunicazione della composizione del primo Consiglio provinciale

suor Faiza Ishak, Superiora provinciale,  
suor Maria Peruzzo, Consigliera e Vicaria, 
suor Mervat Alkess, 
suor Manal Jaqoub. 

Accogliamo come dono queste sorelle e esprimiamo loro gioia, accoglienza e desiderio di camminare insieme. La nostra gratitudine va anche a suor Soad Youssef, a suor Teresa Derias e a suor Faiza Marzouk per il servizio svolto nella Delegazione.

Per sottolineare il passaggio che stiamo vivendo da Delegazione a Provincia, ma anche il passaggio da suor Soad, Superiora delegata, a suor Faiza, superiora provinciale, suor Soad offre a suor Faiza un segno molto significativo, la Barca del sole, che, secondo la religione egizia trasportava il faraone in cielo, per congiungersi con il dio Sole. La barca come “grembo” che ha portato, con le prime suore il carisma, la cui ricchezza è arrivata a noi che, ugualmente vogliamo farci grembo. La barca trasporta le persone, trasporta la vita ed è guidata da chi ha il compito di condurla sicura al porto.

Il Canto del “Te deum laudamus” ha concluso questo importante momento.


 
Segnala ad un amicoStampaTorna alla pagina precedente